Associazione delle polizie comunali ticinesi
Associazione delle polizie comunali ticinesi

Ritorna

No a decisioni calate dall’alto

Riccardo Calastri © Corriere del Ticino

Non ci saranno decisioni calate dall’alto o defezioni improvvise lungo la via. Perché Cantone e Comuni, riuniti ieri a Palazzo delle Orsoline per la seduta della Piattaforma di dialogo, hanno deciso di percorrere mano nella mano la strada che porta a ‘Ticino 2020’, la riforma che da qui ai prossimi cinque anni ridisegnerà i rapporti tra Bellinzona e gli enti locali. Lo hanno deciso e lo hanno messo nero su bianco nella ‘Lettera d’intenti’, corretta ieri e che verrà sottoscritta a breve. La novità più importante, come si evince da una nota stampa, è che “eventuali revisioni legislative che dovessero modificare flussi e competenze fra Cantone e Comuni saranno discusse preventivamente dalla Piattaforma”. «È una premessa fondamentale, su cui come Comuni abbiamo insistito, per portare avanti insieme la riforma ‘Ticino 2020’», sottolinea il presidente dell’Associazione dei comuni ticinesi (Act). E a proposito di ‘decisioni calate dall’alto’ Riccardo Calastri porta l’esempio della polizia unica, sulla cui istituzione il Gran Consiglio si pronuncerà settimana prossima. «È chiaro che se il parlamento dovesse dire di sì alla creazione di una sola polizia in Ticino, quella premessa fondamentale sulla quale ho posto prima l’accento verrebbe meno e risulterebbe fortemente pregiudicata la prosecuzione dei lavori per concretizzare ‘Ticino 2020’: a quel punto ci si potrebbe chiedere se abbia ancora senso la Piattaforma di dialogo fra Cantone e Comuni, insomma potremmo metterci un crocione», rincara Calastri, ieri e oggi a Berna per l’assemblea dell’Associazione dei comuni svizzeri (il presidente dell’Act è membro del comitato).

 

‘Polizia unica? Non è il momento’

 

Presidente dell’Act che precisa: «Come Comuni non siamo contrari per principio alla polizia unica, ma questo non è il momento opportuno per affrontare il discorso, visto che gli enti locali si stanno impegnando a fondo per implementare entro il prossimo settembre le otto regioni di polizia comunale stabilite dalla Legge sulla collaborazione tra Cantonale e polcom, votata dal parlamento nel 2011 ed entrata in vigore l’anno successivo. Un sì oggi al corpo unico sarebbe uno schiaffo agli enti locali. Ma non c’è solo il tema sicurezza.

 

Riccardo Calastri

Presidente Associazione Comuni Ticinesi

18 Giugno 2015

Torna su

Regione I
Mendrisiotto sud - Polo Chiasso
091 695 09 91
ufficio.polcom@chiasso.ch
Regione II
Mendrisiotto nord - Polo Mendrisio
058 688 35 00
polizia@mendrisio.ch
Regione III
Luganese - Polo Lugano
058 866 81 11
polizia@lugano.ch
Regione V
Bellinzonese - Polo Bellinzona
091 821 88 88
polcom@bellinzona.ch
Regione VI
Locarnese est e Valle Maggia - Polo Locarno
091 756 33 11
polizia.comunale@locarno.ch
Regione VII
Locarnese ovest - Polo Ascona
091 759 81 81
polizia@ascona.ch
Regione VIII
Riviera, Blenio e Leventina - Polo Biasca
091 874 39 01
polizia@biasca.ch

 

Associazione Polizie Comunali Ticinesi

Copyright © 2019